.
Annunci online

Proud to be a democrat
post pubblicato in diario, il 11 novembre 2012





Che il fatto della settimana sia stato la rielezione di Barack Obama alla Presidenza degli USA credo sia un dato certo e condiviso. Al risveglio di mercoledì mattina, apprendere la riconferma del Presidente Democratico è stato un brivido ulteriore, per certi versi pari a quello di quattro anni fa al momento dell'elezione. A questo, poi, aggiungerei la bellezza del discorso del vincitore (http://www.partitodemocratico.it/doc/245940/discorso-pronunciato-al-mccormick-center-di-chicago-da-barack-obama.htm).
Un discorso caricato, forse anche un po' artificiosamente, di speranze e di nuove sfide: nelle parole del ri-eletto Presidente si percepivano non solo la giusta soddisfazione, ma anche un grande senso di responsabilità e di determinazione a continuare nel solco già tracciato.

Come ha sottolineato anche Andrea Sarubbi in un suo post (http://www.andreasarubbi.it/?p=8205), c'è un aspetto che più di tutti valorizza quel discorso: è il profondo senso di comunità e, al tempo stesso, di famiglia con cui Obama ha deciso di rivolgersi all'America da vincitore della sfida elettorale e da Presidente confermato.
In questo senso di comunità, di società, di gruppo sta, a mio modesto parere, proprio il concetto chiave dell'essere Democratico. Partecipare alla Politica attiva di un paese o del Paese ha proprio questa valenza di Servizio alla Comunità, qualunque ne sia la scala (locale, nazionale o sovranazionale).
Qui sta per me il senso ultimo della mia esperienza politica precedente (da Segretario di Circolo e da Assessore), associata ad una convinta adesione al Partito Democratico e al suo progetto di governo, sia locale che nazionale. Accettare una sfida di Amministrazione della Comunità è stato un mettermi al Servizio della comunità stessa - ancorché senza risultati particolarmente eclatanti o ottimali.

Non me ne voglia il succitato Sarubbi e quanti come lui ne condividono la scelta per le prossime Primarie, ma in continuità con quanto appena detto, la mia scelta sul candidato da sostenere nella corsa per la candidatura a Presidente del Consiglio nel 2013 è caduta su Pierluigi Bersani.
A scanso di equivoci, non sto dicendo che se avessi scelto di sostenere Matteo Renzi avrei, per così dire, "tradito" quel dualismo Politica-Servizio in cui credo profondamente: non dubito affatto che chi (e sono tanti gli amici e i compagni di tante esperienze politiche precedenti) abbia scelto il Sindaco di Firenze, possa essere animato da quel medesimo senso del servire.
Ma scegliere Bersani ha, per me, una particolarissima connotazione di collegialitàpopolarità (ben diversa da populismo, sia ben chiaro!), società. Questo non tanto a livello programmatico - anche perché, in tutta onestà non credo che la base programmatica di due candidati provenienti da uno stesso partito possa contenere progetti tanto discrepanti - quanto, piuttosto, a livello di visione d'insieme.
In Bersani scorgo la medesima attenzione alle radici e alla comunità locale come agli orizzonti e alla comunità europea. Da un lato la campagna elettorale che inizia nella natia Bettola (PC), muovendo dal distributore "di famiglia", dall'altro il dialogo aperto sul fronte internazionale coi leader progressisti europei per costruire insieme una piattaforma programmatica su scala europea. Nell'uno e nell'altro caso, dunque, stanno la comunità e i suoi legami: tradizionali e famigliari, come futuri ed europei.

Vorrei, poi, aggiungere una considerazione ulteriore a tutto ciò, considerazione che conferma sia la mia profonda adesione al Partito Democratico e ai suoi modelli di governo, che alla candidatura di Pierluigi Bersani.
Se mi soffermo, a titolo di esempio, su quanto accaduto negli ultimi mesi nell'Emilia tra Modena, Reggio e Ferrara - mi riferisco al dramma del terremoto, con tutto ciò che ne è conseguito - credo ci siano riconferme e motivi di orgoglio rispetto a tutto quanto scritto poco fa. Mi riferisco non solo alla reazione forte e determinata della popolazione (emblema di una risolutezza caratteriale e "imprenditoriale" di cui siamo capaci noi emiliani), quanto, piuttosto, alla esemplare gestione dell'emergenza di cui gli amministratori locali di questi territori hanno dato prova, dal Commissario straordinario e Presidente della Regione Errani a ciascuno dei Sindaci delle comunità colpite. Questo è un modello di amministrazione e di governo locale di altissimo profilo, autentica espressione, a mio modo di vedere, del portato valoriale del Partito Democratico, una forza di governo capace di profonda abnegazione per la sua gente (intesa non come iscritti, ma come comunità amministrate). Ebbene, se questo è un modello di buona amministrazione, e se questo modello è espressione, politicamente parlando, del Partito Democratico, allora il mio apprezzamento per quel modello non può che essere apprezzamento anche per il Partito Democratico e per il suo Segretario.

Ci tengo, però, a chiudere questo intervento, con una valutazione che è per me una convinzione autentica: le Primarie che stiamo preparando sono una sfida per individuare il candidato del centrosinistra alle Politiche del 2013, dunque, non Primarie congressuali per definire il modello di partito o di segreteria che vorremmo. Quindi, non solo credo sarebbe opportuno tenere toni e profili meno aspri, ma mi piacerebbe che non si scadesse mai troppo in personalismi stupidi e arroganti, lesivi soprattutto dell'unità del nostro partito. E ancora, spero di tutto cuore, che quanti usciranno sconfitti dalle urne del 25 novembre, sappiano in tutta onestà rimanere fedeli al progetto politico che questo centrosinistra saprà costruire per il bene del Paese: perché è esattamente questo il punto di vista da tenere in tutta questa corsa e, ancor più, dopo quella domenica.
L'appello di Todi
post pubblicato in diario, il 18 ottobre 2011


Quanto detto ieri a Todi dal Card. Bagnasco mi sembra qualcosa di estremamente interessante e valido. Il monito all'impegno civile e sociale per i cristiani (http://www.unita.it/italia/il-richiamo-di-bagnasco-cristiani-non-siate-assenti-1.343142) è molto più di un'asserzione sterile o di un'informativa generalizzata. E' una vera e propria sveglia per tutti i cattolici fin qui sopiti, un richiamo urgente per i cattolici finora attivi nel sociale, ma non incisivamente. E' una nuova scommessa tutta evangelica, sul servizio agli altri come missione ultima del Risorto («Se uno vuol essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servo di tutti» in Mc 9,35).
Mi sembra sia molto importante questo richiamo non già per il senso evangelico di cui è pervaso, ma proprio per la concezione del servizio alla comunità come di un obbligo morale che, se non osservato figurerebbe come "peccato di omissione" (sic!).
In questo monito a noi fedeli c'è, almeno immagino di cogliere, l'invito ad essere non solo partecipi della vita sociale e civile, ma anche il sollecito ad esserlo come cardini di quella svolta di cui la nostra società ha oggi bisogno: per uscire dalla crisi, per ridare un senso alla vita civile e politica del Paese.
Sono sinceramente contento di questo appello a essere presenti e attivi. Perché ho sempre ritenuto che questa logica, quella del Servizio, dovesse essere il motore del fare politica - o almeno, ho sempre provato a fare che fosse così anche nel mio piccolo - un motore che indubbiamente porta a porsi riflessioni anche meno "banali" di chi vive la società in senso leggero e vano. Ma è, poi, più gratificante sapere di essersi spesi per fare un Servizio agli altri, anche se magari non lo si è fatto perfettamente.

In conclusione di questa riflessione, però, voglio dire la mia su quella fantomatica Cosa Bianca di cui da qualche settimana si è tornati a favoleggiare nelle cronache politiche sui quotidiani e nei retroscena illustrati dai tg. Mi è parso che il monito di Bagnasco di ieri abbia teso ad escludere il ritorno alla politica di partito da parte dei cattolici. Spero vivamente sia così! Perché, almeno secondo me, questo sarebbe un anacronismo colossale, improduttivo e non perseguibile. L'epoca politica attuale non consente - e credo sia giusto così - di imprigionare un ideale religioso in un simbolo di partito. Se non altro, perché l'epoca storica attuale non si basa sui grandi ideali o sui grandi sistemi ideologici del secolo precedente: queste ideologie e questi ideali si sono evoluti, amalgamati, riformati e rinati per dare vita a nuove forme partito e a nuovi movimenti sociali e civici. Ebbene, il cattolicesimo in sé non ha senso di tornare ad essere un partito. Sarebbe un profondo errore storico, probabilmente fallimentare, di cui pochi, pochissimi potrebbero capire il vero senso profondo. Nell'era della "società liquida" è meglio che i cattolici si sentano come correnti che attraversano e pervadono la società, comunque essa si ponga e si strutturi, senza voler essere un'entità monolitica.
Pensando a Grillo
post pubblicato in diario, il 19 maggio 2011


Nell'analisi del voto che ho fatto l'altro giorno non ho menzionato il tema "grillini", ma apposta perchè era mia intenzione dedicare una riflessione ad hoc al tema.
Innanzitutto questo fenomeno non va ignorato affatto. Né tantomeno minimizzato. Ma va affrontato, per come la vedo io, con il piglio giusto e con le idee chiare.

Il fenomeno c'è tutto ed è in una fase crescente, straordinariamente positiva per loro.
Dopo il successo dello scorso anno alle Regionali, in cui ottennero il 7% in Emilia Romagna (col loro candidato che oggi è Consigliere Regionale) e in cui risultarono determinanti per la sconfitta della candidata Mercedes Bresso, ora portano a casa un 10% di consensi a Bologna e uno (o più?) Consiglieri Comunali.
Dal loro punto di vista il trend è straordinariamente positivo ed entusiastico. Come non compiacersene?

Il problema è per gli altri. Per tutti, ma un po' di più per il centrosinistra.
Perchè, checché ne dicano loro stessi, i valori di base e le linee politiche ideologiche non sono così distanti dalle "carte dei valori" dei partiti della sinistra italiana odierna, partendo dal Partito Democratico.
Giusto per citarne alcuni, i temi della legalità, della "onorabilità" dei candidati, delle energie rinnovabili, del contenimento della spesa politica, sono aspetti non secondari nelle battaglie politiche del centrosinistra. Non c'è nulla di nuovo nel loro teorizzare queste problematiche, niente di nuovo.
Poi, ad esempio, sbandierano con orgoglio (penso, ad esempio, all'intervista rilasciata lunedì a RaiNews dal Cons. Regionale dell'Emilia-Romagna Favia) le teoria del "prestito alla politica" dei loro candidati, dicendo che loro al massimo operano in ambito politico per 10 anni. Bene, bravi!
Hanno mai letto che nello Statuto del PD, redatto ben prima che loro cominciassero a scendere in campo con liste politiche nel Paese, è di prassi la candidatura per al massimo 2 mandati (da 5 anni)? Non mi sembra sia un'idea nuova....
In questo mi si potrà obiettare che, ad esempio alle ultime Politiche, si siano fatte delle eccezioni per consentire ad alcuni parlamentari di continuare il loro Servizio al Paese. Non lo nego. Ma c'è una ragione di fondo, altra cosa che i grillini dovrebbero considerare: una cosa seria e alta come la Politica non la si improvvisa. Non ci si presta alla Politica per 10 anni, venendo dal nulla e amministrando il Paese. Occorre che vi siano dei "senatori" della politica che guidino e istruiscano le giovani generazioni, in modo che il loro Servizio sia realmente utile per la cittadinanza. Come possono pensare su temi delicatissimi e fondamentali come l'Assistenza, la Scuola, l'Urbanistica, di amministrare città e paesi senza esserne minimamente istruiti? In quei settori non ci si improvvisa Amministratori se al proprio fianco non vi sono persone "navigate" e sufficientemente pratiche del caso...

Inoltre, detto francamente, l'espressione "prestati alla politica" è davvero brutta! La Politica è un Servizio! Non ci si presta a un servizio del genere: lo si fa per convinzione, per passione, per spirito di sacrificio al Bene Comune.

Questi aspetti credo vadano messi in luce, soprattutto dai nostri leader, perchè c'è il rischio che molti elettori, ripeto soprattutto del centrosinistra, vivano in un "limbo" di interpretazione di questo movimento e, una volta tentati, finiscano per votarli. E questo ci rovina. Occorre che Bersani, Vendola e altri, dicano chiaramente che quei voti sono nostri, che quei voti mettono in crisi noi e che il loro messaggio politico non si discosta dal nostro. Occorre mettere in guardia gli elettori più deboli e indecisi: un voto a loro è un voto dato per istinto, non per passione politica.

Questo valga anche a livello "internazionale". Lo dico perchè ho appreso ieri sera che la stampa spagnola alle prese con la dilagante protesta dei giovani contro la politica locale avrebbe additato nei grillini un modello di riferimento ed esempio per quella protesta. Finchè si idealizza il "Movimento 5 Stelle" come movimento popolare, di protesta e di ribellione, è ammissibile la cosa. Ma nel momento in cui questo movimento diventa un partito politico, entra nella macchina politica nazionale, comincia a sedere nelle poltrone cui concorre, ... , si è entrati in una dimensione meno di protesta e più di "partito costituito", qualcuno in più che si sfama nella Pubblica Amministrazione.
In Italia esistono vari movimenti di protesta, non costituiti in partiti: il "Popolo Viola", il movimento femminile dello scorso marzo, "Articolo 21", ... Questi sì, sono esempi di moti di "ribellione" a un sistema da migliorare e, in molte cose, da ricostruire. A loro sì che si deve guardare con attenzione e ammirazione, per accoglierne le istanze e rilanciare alcuni aspetti del nostro Paese.
Grillo e i suoi, ormai, si sono messi nell'agone politico: hanno perso la verve polemica iniziale e stanno diventando sempre più politici di ruolo, spesso impregnati, ecco il loro peggio, di un populismo facile e non-utile.

Riflettete gente, riflettete!

Sfoglia ottobre       
calendario
adv