Blog: http://Borcio.ilcannocchiale.it

150 anni di Italia - 214 anni di Tricolore

A celebrazioni avvenute, è il caso di fare alcune riflessioni su quanto è stato detto ieri a Reggio.
(Anche perchè sul cerimoniale in sè, ben poco si può fare se non un plauso per l'essenzialità, ma anche per la pregnanza dei singoli gesti).

Dal palco del Valli si sono alzati due canti, da un lato il coro dei Benvenuto al Presidente, dall'altro la voce solista del Presidente stesso.
I padroni di casa hanno intessuto discorsi estremamente incisivi e diretti. Il Sindaco Delrio, la Presidente di Provincia Masini e il Presidente di Regione Errani hanno accolto il Presidente della Repubblica con parole nient'affatto formali nè scontate. I toni pacati che una tale occasione richiedeva, non hanno oscurato le sincere preoccupazioni che questi nostri amministratori locali hanno ritenuto di esprimere al Capo dello Stato: parlando della nostra terra, non hanno lesinato di tesserne elogi, quelli stra-meritati del nostro tessuto sociale, come pure di evidenziarne le ferite che questa crisi sta lasciando, con evidenti rimandi alla pessima gestione centrale che, dal canto suo, non aiuta in nulla.
Destinatari privlegiati delle attenzioni sia di Delrio che della Masini sono stati i giovani, in perfetta assonanza col Messaggio di fine anno deidicato loro dallo stesso Napolitano. Non poteva essere altrimenti nella città degli asili, che in tutta Europa ci imitano.
Come non poteva essere evitato il cenno al profondo legame dei reggiani all'Italia, legame rinsaldato prima nella lotta di Resistenza (mai fuoriluogo il richiamo ai sette F.lli Cervi, fatto ieri dal Presidente Errani), poi nella Costituente (Ruini, Iotti, Dossetti capisaldi reggiani di quegli anni). Sottolineature indispensabili per decretare quanto nella nostra città sia radicato il senso dello Stato, l'appartenenza al Paese e la fiducia nelle sue Istituzioni.

Dall'altra parte, dicevo, la voce del Presidente Napolitano.
Un eccezionale discorso, il suo, impregnato di tutto un amore per questo Stato, per questa Costituzione, per questo Tricolore che, come già quelli del suo illustre predecessore, ci devono essere di esempio per imparare a essere cittadini italiani.
Naturale che, a discorso concluso, si levassero gli scudi padani dei leghisti, irrinunciabilmente radicati ad un'ideologia tanto scissionistaquanto ormai desueta nei cuori italiani. La voce del Presidente ieri non ha lasciato scampo ai loro sogni di separatismo del Paese:
<E dato che nessun gruppo politico ha mai chiesto che vengano sottoposti a revisione quei "Principi fondamentali" della nostra Costituzione, ciò dovrebbe significare che per tutti è pacifico l'obbligo di rispettarli. Comportamenti dissonanti, con particolare riferimento all'articolo sulla bandiera tricolore, non corrispondono alla fisionomia e ai doveri di forze che abbiano ruoli di rappresentanza e di governo.> La si pensi come si vuole, non si prescinde da questa idea: d'altronde, chi serve il Paese, a qualunque livello, presta giuramento sulla Costituzione, quindi indirettamente sul Tricolore e sull'Inno. Non si discute.
Per le sue eccellenti parole, non si può che ringraziare il Presidente, sempre più unico punto saldo della politica istituzionale del nostro Paese.

Un ultimo plauso credo si debba al Prof. Alberto Melloni per l'eccellente e strepitosa prolusione al discorso di Napolitano. Una splendida lezione di storia risorgimentale e contemporanea!

Pubblicato il 8/1/2011 alle 8.32 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web